Ecologia vegetale con Laboratorio

 

Plant ecology

 

Anno accademico 2018/2019

Codice attività didattica
MFN1243
Docenti
Prof. Consolata Siniscalco (Titolare del corso)
Dott. Giorgio Buffa (Titolare del corso)
Dott. Elena Barni (Titolare del corso)
Prof. Marco Mucciarelli (Titolare del corso)
Corso di studio
Laurea Triennale in Scienze Naturali D.M. 270
Anno
3° anno
Periodo didattico
Primo semestre
Tipologia
Caratterizzante
Crediti/Valenza
8 (6 TAF "B" e 3 TAF "C")
SSD attività didattica
BIO/03 - botanica ambientale e applicata
Erogazione
Tradizionale
Lingua
Italiano
Frequenza
Lezioni facoltative e esercitazioni obbligatorie
Tipologia esame
Scritto ed orale
Prerequisiti
  • Italiano
  • english

Elementi di Botanica generale comprensivi della parte sulla fotosintesi.
Botanica sistematica con particolare riferimento alla nomenclatura, al riconoscimento e alle basi di sistematica evoluzionistica. Elementi di statistica.
 
 

Avvisi

progetto BambApp 2018
 

Obiettivi formativi

  • Italiano
  • english

Conoscere i principali temi dell'ecologia vegetale con particolare riguardo ai rapporti tra vegetali e i seguenti fattori ambientali: climatici: luce, temperatura, precipitazioni, vento, e alle loro interazioni; edafici: suolo e sua composizione, tessitura, struttura, elementi nutritivi; tipi di suolo e relazione con la roccia madre, flora e fauna del suolo, ciclo del carbonio e ciclo dell'azoto, simbiosi e fissazione; biologici: simbiosi, parassitismo, rapporti tra pianta e pianta, rapporti tra piante e animali; antropici: effetti
delle principali attività umane sulla flora e sulla vegetazione nei diversi ambienti e a quote diverse. Valutazione e mitigazione degli impatti sui vegetali. Riconoscere nelle piante gli adattamenti a ciascun fattore ambientale e alle sue variazioni, nel tempo e nello spazio. In relazione a questo si prenderanno in considerazione alcune tra le classificazioni proposte in base alla funzionalità degli organismi vegetali: allocazione delle risorse, strategie vegetative e riproduttive, strategie r e K, competitività, forme biologiche. Saper individuare le piante che possono fungere da indicatori biologici e conoscere i concetti di biodiversità vegetale.

 

Risultati dell'apprendimento attesi

  • Italiano
  • english

Gli studenti dovranno conoscere le relazioni tra piante e ambiente nell'ambito di un quadro evoluzionistico. Inoltre dovranno conoscere la terminologia propria della botanica ambientale e dell'ecologia vegetale con particolare riguardo alla biodiversità, alla conservazione, allo studio delle relazioni tra singole specie e condizioni ambientali in un quadro di cambiamento climatico e
di uso del suolo.

 

Programma

  • Italiano
  • english

Rapporti tra i vegetali e le condizioni ambientali: luce, temperatura, acqua. Il clima. Tipi di clima. Diagramma di Walter e Lieths. Adattamenti dei vegetali alle condizioni ambientali e alle loro variazioni.
Il suolo: tessitura, struttura, aggregazione. I tipi di suolo. Nutrienti. I fattori topografici. L’erosione del suolo e i vegetali. Apparati radicali. Le interazioni tra organismi vegetali, batterici e fungini. Il concetto di
comunità vegetale. I metodi di studio delle comunità vegetali: fisionomico, strutturale. Il metodo dei punti sulla linea, quadrati e cerchi di Raunkiaer, fitosociologico. Global change. Effetti sulle comunità vegetali e sugli ecosistemi nei vari bioclimi del mondo e in particolare nelle Alpi e nel Mediterraneo.
Fenologia e modelli. Il gradiente altitudinale e le fasce bioclimatiche nelle zone montuose. Metodi di rappresentazione della vegetazione: la cartografia – esempi e applicazioni. Stato delle foreste nel mondo, in Europa in Italia: principali trends. Disturbo e stress: concetti generali. Effetti di stress e disturbo sulle
specie in termini evolutivi e sulle comunità vegetali. Strategie vegetative e riproduttive secondo Grime. Strategie r e K. Strategie secondo Grime (C-S-R). Le successioni: dinamica. Tipi di successione. Il climax, successioni primarie e secondarie. Esempi. L’antropizzazione: concetti e definizioni. Livelli di antropizzazione. Gli studi di vegetazione nella definizione della qualità ambientale. Indici di valutazione. I ripristini ambientali, la restoration ecology. La biodiversità: concetti generali. Terminologia. La biodiversità a livello molecolare e relativa ai geni, alle popolazioni, alle specie, alle comunità e al paesaggio. Rapporti tra ricchezza specifica, equitabilità e antropizzazione.
MODULO II:
Laboratorio

 

Modalità di verifica dell'apprendimento

  • Italiano
  • english

Esame scritto con 10 domande a risposta aperta. Ogni domanda riguarda un diverso argomento affrontato nel corso. Le risposte possono comprendere spiegazioni e grafici o altre rappresentazioni grafiche. Ogni risposta giusta vale 3 punti, ogni risposta sbagliata vale 0 punti. 

 

Testi consigliati e bibliografia

Pignatti S. 1994 – Ecologia vegetale. Utet, Torino
Pignatti S. 1995 - Ecologia del paesaggio. Utet, Torino
Smith TM &Smith RL. 2007. Elementi di ecologia. Pearson, Paravia e
Bruno Mondadori, Milano.

 

Orario lezioniV

Nota: Consultare la tabella degli orari pubblicata sull'apposita pagina.

Registrazione
  • Aperta
     
    Ultimo aggiornamento: 26/06/2018 15:38
    Campusnet Unito
    Non cliccare qui!